Polinux 9.10

November 05, 2009 | 2 Minute Read

Abbiamo rilasciato oggi la nuova versione di Polinux, la distribuzione GNU/Linux per gli studenti del Politecnico: basata su Ubuntu 9.10, ne segue la medesima numerazione.

Questa nuova release vede l'aggiunta di alcuni software in particolare per il calcolo matematico e fisico (Freemat, Speedcrunch), e la rimozione di alcuni software inutilizzati; è presente anche un nuovo tema grafico ed una nuova funzionalità, che definisce automaticamente la presenza del proxy per tutte le applicazioni e per tutti i terminali, oltre naturalmente alle utility per configurare automaticamente la rete wireless del Politecnico.

Potete trovare la distribuzione in formato ISO, di dimensioni di circa 2.2 GB, perciò da masterizzare su un DVD, sia per architetture a 32 bit che per architetture a 64 bit; presto verranno inoltre forniti due torrent, per evitare il sovraccaricamento del server che gentilmente ci ospita. Gli aggiornamenti dei pacchetti che forniscono Polinux verranno scaricati automaticamente, assieme agli aggiornamenti ufficiali di Ubuntu.

Un particolare ringraziamento va a Maintux, che ha ideato e realizzato il tema grafico, Sante per la creazione degli script, e tutti coloro che ci hanno contattato per suggerire programmi nuovi o problematiche riscontrate.

Note

  • Se non sapete quale architettura possedete, non preoccupatevi: la versione a 32 bit funziona anche su piattaforma a 64, mentre quella a 64 bit vi avverte all'avvio se, per caso, i 64 bit non sono supportati dal vostro hardware.
  • Al primo avvio come live DVD, la versione a 32 bit potrebbe avvertirvi che c'è stato un crash di un applicativo, tramite un'icona nella barra dei menu: ignorate pure tale avvertimento, si tratta di un problema già risolto.
  • E' possibile scaricare anche le firme MD5 delle due ISO, sempre dal server: potete facilmente controllare che la stringa coincida con quella della vostra ISO, se date il comando md5sum nome.iso, o del DVD che avete appena masterizzato, con il comando md5sum /dev/dvd, questo da linea di comando; alcune applicazioni di masterizzazione, inoltre, vi controllano automaticamente tale firma.